Convegno Internazionale di Studi per il Tricentenario della Nascita di GIUSEPPE BARETTI

 

29 Aprile 2019

Luogo: Scuderie Granducali

Giuseppe Baretti, un grande letterato italiano nell’Europa del Settecento. A Seravezza, in Versilia, si apre il triennio di celebrazioni sostenuto dal MiBAC

Polemizzò in punta di fioretto con Voltaire, ‘reo’ di aver banalmente tradotto gli scritti di William Shakespeare. Difese la grandezza poetica di Dante dalla supponenza degli intellettuali transalpini. Inventò (e usò senza timori reverenziali) la stroncatura letteraria. Fu il primo a credere nella multimedialità e nel giornalismo quali moderni strumenti di divulgazione del sapere. Il torinese Giuseppe Baretti fu una stella di prima grandezza nel firmamento culturale del Settecento europeo. Eppure, oggi, è sconosciuto ai più. A trecento anni dalla nascita, il MiBAC, su proposta del Centro Internazionale di Studi Europei Sirio Giannini d’intesa con il Comune di Seravezza, tenta di sottrarlo all’oblio varando un programma di celebrazioni e studi di portata internazionale. L’apertura sarà venerdì 3 e sabato 4 maggio nell’Area Medicea patrimonio Unesco di Seravezza (Lu), in Versilia.

 

«Le celebrazioni in onore di Baretti si apriranno con un convegno di alto profilo scientifico, il primo di molte iniziative culturali che, nell’arco dei prossimi tre anni, organizzeremo in diverse città italiane ed europee», spiega la studiosa Daniela Marcheschi, presidente del Comitato Nazionale costituito dal MiBAC su proposta del Centro Internazionale di Studi Europei Sirio Giannini con sede a Seravezza. «Baretti è stato un intellettuale di assoluta grandezza, il primo letterato europeo di lingua italiana capace di padroneggiare più lingue e più culture, con una moderna visione dell’Europa, convinto assertore del libero confronto delle idee e della libertà di espressione. Il Comitato si fa interprete delle istanze che da tempo provengono dal mondo della ricerca per riaccendere i riflettori su Giuseppe Baretti e favorire una presa di coscienza sul suo ruolo nella cultura italiana e internazionale».

 

Il convegno del 3 e 4 maggio a Seravezza servirà innanzitutto a far emergere ulteriori dati, fonti storiche e nuove conoscenze su Baretti. Interverranno studiosi delle Università di Torino, del Piemonte Orientale, Bari, Utrecht, Lisbona, Milano, Verona, Pittsburgh, esperti austriaci e olandesi. Tra le molte presenze di rilievo, quelle di Francesca Luigia Savoia, massima studiosa dell’opera di Giuseppe Baretti, e Luísa Marinho Antunes Paolinelli, insigne docente di Letterature comparate, entrambe componenti del Comitato Nazionale presieduto da Daniela Marcheschi. Di prestigio, inoltre, i nomi dei proff. Bartolo Anglani, Elvio Guagnini, Franco Arato, che a Baretti hanno dedicato studi fondamentali, e di Alberto Sinigaglia, docente di Storia del Giornalismo e insigne giornalista. Il parterre degli studiosi che si daranno convegno a Seravezza è completato da William Spaggiari, Massimo Prada, Giuseppe Polimeni, Giuseppina Baldissone, Gandolfo Cascio, Corrado Viola, Sergia Adamo, Guido Conti, Ursula Reuter Mayring. Ci saranno tutti gli ‘storici’ specialisti di Baretti e studiosi che percorreranno campi meno battuti nelle ricerche sull’autore. I lavori si svolgeranno venerdì 3 maggio dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18; sabato 4 maggio dalle 9 alle 13. Il convegno, valido per la formazione dei docenti, sarà ad ingresso libero e aperto a tutti gli interessati. L’iniziativa è patrocinata dal Ministero dell’Università e della Ricerca con l’Ufficio Scolastico Territoriale di Lucca e Massa Carrara, dall’Università del Piemonte Orientale, di Trieste e da altri importati enti internazionali.

 

La due giorni non mancherà di offrire spunti al più ampio ed eterogeneo pubblico di appassionati e cultori delle lettere. Giuseppe Baretti fu infatti un personaggio a tinte forti, un intellettuale poliedrico, originale, indipendente, animato da grande vis polemica, curioso e attento ai fermenti della propria epoca. Fu critico letterario, linguista, traduttore, poeta, scrittore, drammaturgo. Sferzò i paludati ambienti culturali del suo tempo dalle colonne della rivista «La Frusta Letteraria», che fondò a Venezia nel 1763, un anno in anticipo rispetto al celeberrimo «Caffè» di Pietro e Alessandro Verri. Viaggiò moltissimo fra Italia, Portogallo, Francia, Spagna, stabilendosi infine in Inghilterra dove conobbe e frequentò preminenti personalità della cultura di quel Paese e dove morì il 5 maggio 1789, lo stesso giorno in cui, a Parigi, Luigi XVI riuniva gli Stati Generali innescando di fatto il processo rivoluzionario. Benedetto Croce ammirò «la schiettezza e l’acume» di Baretti. Piero Gobetti battezzò proprio «Il Baretti», il periodico letterario che fondò nel 1924.

 

Venerdì 3 maggio alle ore 21, a chiusura della prima giornata del seminario, il teatro delle Scuderie Granducali di Seravezza ospiterà in anteprima la lettura drammatizzata «Un caos di roba», diretta e interpretata da Marco Solari, insieme con Guidarello Pontani e Alessandra Vanzi, già protagonisti della famosa compagnia teatrale La Gaia Scienza. Lo spettacolo sarà ad ingresso libero (per tutti i dettagli vedi comunicato stampa nell’ultima pagina).

 

Il Comitato Nazionale per Giuseppe Baretti

Le celebrazioni nel trecentesimo anniversario della nascita di Giuseppe Baretti sono state promosse dal MiBAC su iniziativa del Centro Internazionale di Studi Europei Sirio Giannini con il decisivo supporto del Comune di Seravezza. Il MiBAC ha decretato la costituzione di un apposito Comitato Nazionale (Decreto n. 26 del 30 Gennaio 2019) finanziando il primo anno di eventi. Il Comitato è presieduto dalla professoressa Daniela Marcheschi, direttore scientifico del Centro Studi Sirio Giannini, critico letterario e docente di Letteratura italiana e Antropologia delle arti in diverse università italiane e straniere. Gli altri componenti sono Chiara Tommasi (presidente del Centro Studi) in qualità di segretario-tesoriere, il sindaco di Seravezza Riccardo Tarabella, la professoressa Luísa Marinho Antunes Paolinelli, insigne studiosa di Letterature comparate, e la professoressa Francesca Luigia Savoia dell’Università di Pittsburgh, massima studiosa dell’opera di Giuseppe Baretti.

Tra i prossimi eventi in calendario: il 27 giugno la pubblicazione di un contributo su Giuseppe Baretti giornalista e scrittore nella rivista internazionale «Kamen’»; a fine settembre un seminario su Baretti e il mondo iberico presso la Facoltà di Lettere dell’Universidade de Lisboa; il 24 ottobre la tavola rotonda Baretti e Dante presso l’Università di Utrecht; fra ottobre e gennaio, a Cagliari, una rassegna cinematografica di pellicole dedicate al Settecento europeo; a dicembre a Seravezza una lezione su Baretti d’intesa con l’Ufficio scolastico IX Ambito territoriale di Lucca e Massa Carrara. Tra il 2020 e il 2021 le attività culturali (seminari, mostre, ecc.) coinvolgeranno gli atenei di Pisa, Firenze, Londra, Madeira, Parigi, Siviglia, Torino, Trieste e Vercelli, anche per una serie di lezioni destinate agli studenti universitari e delle scuole medie superiori, nonché la Biblioteca Nazionale e la Biblioteca Civica centrale di Torino, la Biblioteca Statale di Lucca, l’Università di Stettino, in Polonia, la Carla Rossi Academy di Pistoia, le Scuderie Granducali e la Biblioteca di Palazzo Mediceo a Seravezza.

 

 

 

 

Un caos di roba

Omaggio a un grande letterato del ‘700 europeo: Giuseppe Baretti

 

Regia di MARCO SOLARI

con GUIDARELLO PONTANI, ALESSANDRA VANZI, MARCO SOLARI

 

Consulenza musicale: Guido Zaccagnini

Registrazioni audio: Paolo Modugno, Oasi Studio - Roma

Prod. Terre Vivaci

grazie a Paola Marchesin per consulenza sui costumi e a Luca Storari per le luci

 

TEATRO SCUDERIE GRANDUCALI DI SERAVEZZA

venerdì 3 maggio 2019, ore 21:00

Ingresso libero

 

Focoso, violento, impaziente, burbero, bisbetico: così Benedetto Croce, in Problemi di Estetica, traccia il profilo di Giuseppe Marco Antonio Baretti, critico, poeta satirico, scrittore e traduttore (Torino, 1719 – Londra, 1789).

 

Ma fu davvero questo, Giuseppe Baretti? Fu un dilettante, figlio del Settecento più irrequieto e leggero?

 

No, fu un grande letterato europeo, dalla vita dinamica, ricca di eventi singolari, non facile per la sua verve critica, il suo spirito indipendente, polemico. I saggi, le traduzioni, le numerose e multiformi lettere, i suoi viaggi per l’Europa, la sua Frusta letteraria, ci rivelano lo sguardo di un uomo di oggi, con un’idea vitale del sapere, curioso e attento alle problematiche del suo tempo, che interpretò nel primo, miglior giornalismo moderno: inteso come verità, come adesione alla vita in una ricerca stilistica di altissimo livello, aperta alle più fertili suggestioni della cultura della Modernità.

 

UN CAOS DI ROBA (definizione data dal Baretti stesso a una sua opera, Le lettere familiari), lettura drammatizzata di testi molto eterogenei, ripercorre alcuni momenti bizzarri della sua vita.

 

 

La serata di anteprima rientra nelle manifestazioni organizzate per il 2019 dal Comitato Nazionale per le Celebrazioni del Tricentenario della Nascita di Giuseppe Baretti, promosso e finanziato dal MiBAC con Decreto n. 26 del 30 gennaio 2019, su iniziativa del CISESG-Centro Internazionale di Studi Europei Sirio Giannini, d'intesa con il Comune di Seravezza.

 

Durata: 75’

LOCANDINA

Luogo: Scuderie Granducali

 

Come arrivare

categorie eventi

archivio eventi

IL Museo: una palestra per la mente
dal 24/11/20 - 20/12/20

Il Museo del Lavoro di Palazzo Mediceo si apre virtualmente alla III età, con un occhio di riguardo per le persone con Alzheimer e demenza senile. In partenza a dicembre il "progetto pilota" on-line,  con il quale speriamo di attivare questo nuovo servizio e poterlo così inserire nella programmazione annuale delle attività museali.
 

CHIUSURA UFFICI FONDAZIONE TERRE MEDICEE
dal 30/10/20 - 30/11/20

 

PER DISPOSIZIONI IMPARTITE DALLA DIREZIONE DELLA FONDAZIONE INERENTI L’ATTUALE SITUAZIONE PANDEMICA RELATIVA AL VIRUS COVID 19 A FAR DATA DAL GIORNO 2 NOVEMBRE 2020 FINO A DATA DA STABILIRSI GLI UFFICI RESTERANNO CHIUSI

PER QUALSIASI NECESSITÀ SI PREGA DI CONTATTARCI AI SEGUENTI INDIRIZZI:

segreteria@terremedicee.it

amministrazione@terreemedicee.it

Black Omen
dal 03/10/20 - 01/11/20

Nuova Mostra alle Scuderie Granducali a cura di Alessandro Bertozzi

OttobreEdufin 2020
dal 15/10/20 - 29/10/20

Eventi sull'educazione finanziaria al Palazzo Mediceo di Seravezza.

Estate a Palazzo Mediceo 2020
dal 10/07/20 - 11/10/20

Gli eventi della Fondazione Terre Medicee Seravezza

Le Mani Eccellenze in Versilia
dal 20/09/20 - 11/10/20

IX° Edizione di Alfabeto Artigiano, una ricognizione sull'artigianato d'eccellenza.

Chiusura Palazzo
dal 14/09/20 - 20/09/20

Chiusura MOMENTANEA del Palazzo e del Museo

Eugenio Pieraccini - "il diavolo e l'acqua santa"
dal 10/07/20 - 13/09/20

Mostra di Eugenio Pieraccini nel Quarantennale

Artigianato e Aperitivo
dal 12/09/20 - 13/09/20

 “Artigianato & Aperitivo”, il progetto di Artex, realizzato in collaborazione con il Comune di Seravezza, la Fondazione Terre Medicee, l'Ambito Turistico Versilia, Cna Lucca e Confartigianato imprese Lucca.
Sabato 12 e domenica 13 settembre due trekking urbani, organizzati dall'associazione Andare a Zonzo, "Marmo e bellezza"
Per informazioni e prenotazioni: 
www.toscana.artour.it
www.andareazonzo.com

TRAME D'ESTATE
dal 20/08/20 - 23/08/20

VIII edizione del festival Trame d'estate
dal 20 al 23 agosto 2020
nel giardino del sito Unesco di Palazzo Mediceo, in Versilia. 

Inizio degli incontri ore 21.30
Ingresso libero - E' gradita la prenotazione telefonando al numero 333 4613397 o scrivendo a info@centrostudisiriogiannini.org.
 
scarica il programma

 

Sguardo Su Medusa
dal 11/07/20 - 16/08/20

A cura di Lorenzo Belli

Cinema Sotto le Stelle
dal 11/07/20 - 16/08/20

Cinema all'aperto.

Chiudete le Valigie, Andiamo a Berlino
dal 03/08/20

Presentazione del libro a cura di Marco Sabia

Le Notti dell'Archeologia
dal 29/07/20

Mercoledì 29 luglio 2020, ore 21:30.

Aperitivo Mediceo 2020
dal 15/07/20

Decima edizione dell'Aperitivo Mediceo

Apertura MUSEO del Lavoro e delle Tradizioni Popolari della Versilia Storica
dal 03/06/20 - 05/07/20

A partire dal 3 giugno 2020, riapre il Museo del Lavoro e delle Tradizioni Popolari della Versilia Storica di Seravezza.
Orario di apertura: dal mercoledi alla domenica - 10,30-12,30 | 16,00 - 19,00.
Ingresso libero.

 

Delicato come una farfalla e fiero come un'aquila
dal 07/04/20

 

IMPORTANTE

In ottemperanza  alle disposizioni per il contenimento del COVID19 2020, si comunica che l'ultimo spettacolo in programma della stagione teatrale delle Scuderie Granducali,"Delicato come una Farfalla e Fiero come un'Aquila", di e con Elisabetta Salvatori, previsto per il giorno 12 marzo e successivamente spostato al 7 aprile, è sospeso e sarà posticipato a data da stabilire.

Eventuali rimborsi dovranno essere richiesti ai rispettivi punti vendita dove sono stati acquistati i biglietti.

Ci scusiamo per il disagio.

Continuate a seguirci e #restiamoacasa.

 

Sandokan
dal 02/03/20

I Sacchi di Sabbia / Compagnia Lombardi - Tiezzi

Il racconto si affaccia nalla mente degli spettatori, per poi esplodere con una frenesia folle che contagia. La cucina è casa di Sandokan, nave dei pirati, villa di Lord Guillonik, foresta malese, spiaggia di Mompracem. Fedele all'ideale di un ironico esotismo quotidiano (Salgari non si avventurò mai oltre l'Adriatico) lo spettacolo - attraverso la rifunzionalizzazione di semplici oggeti d'uso - è un elogio nall'immaginazione.

Inizio ore 21:15

Un alt(r)o Everest
dal 26/02/20

di e con Mattia Fabris e Jacopo Maria Bicocchi

Inizio ore 21:15

Nel 1992, due amici, Jim Davinson e Mike Price, decidono di scalare la loro montagna, il monte Rainer nello stato di Washinghton, ma quella scalata non sarà solo la conquista di una vetta, sarà il punto di non ritorno di un cammino dentro le profondità del loro legame.

La Molli
dal 06/02/20

di Gabriele Vacis e Arianna Scommegna

inizio ore 21:15

 

Sono confidenze sussurrate, confessioni bisbigliate quelle della Molli. Il monologo di Molly Bloom che conclude l'Ulisse di James Joyce dal quale Gabriele Vacis - che è anche regista - e Arianna Scommegna prendono le mosse, dal quale colgono le suggestioni e con il quale continuano a dialogare per tutto lo spettacolo, calando il personaggio in una quotidianità dalle sonorità milanesi e traslando il testo in una trama di riferimenti culturali, storie e canzoni, che hanno il sapore del nostro tempo.

 

design & developement: Artemysia Communication